Caro Antonio apri gli occhi (in merito al nuovo libro di Ratzinger)


sleeping-people-610x225.jpg

A seguito delle schifose (non posso dire altrimenti) anticipazioni dell’ultimo libro del Sig. Ratzinger

http://www.corriere.it/cronache/16_settembre_08/benedetto-xvi-papa-libro-vaticano-de3aa4e4-7537-11e6-86af-b14a891b9d65.shtml

eccomi nuovamente a rivolgermi retoricamente a Socci (retoricamente perché non penso leggerà e non farò certo nulla di più di questo).

Caro Antonio, capisco che sia difficile dire “mi hanno ingannato per decenni” e che la cosa ponga anche gravi riflessioni sopra la validità dei sacramenti impartiti, ma diciamolo papale papale… Ratzinger non è stato un Defensor Fidei e neppure un Defensor Ecclesiae, ma un debole e confuso gestore del Soglio di Pietro indebitamente occupato, eredità di altri usurpatori. Gesti che sono sembrati inizialmente forti, una virata decisa magari per riportare in piena navigazione la navicula Christi si sono rivelati o frutto di velleità non sentite o, peggio ancora, fumo negli occhi per tentare di richiamare certi gruppi fedeli alla Chiesa come è stata, è e sarà. In fondo, a quanto pare, sembra emergere un quadro comune tra Ratzinger e Bergoglio, la volontà, uno con gesti più sottili, l’altro con chiassate da dittatore dello Stato Libero di Bananas, per attirare chi è stato posto fuori dalla chiesa essendo nella Chiesa.

article-1296118854822-0ceb0114000005dc-69228_466x310.jpg

Ora Ratzinger per l’ennesima volta smentisce la questione dei complotti, delle dimissioni obbligatorie. Si badi bene, io sono convintissimo che Ratzinger è stato dimesso e che Bergoglio ha fatto il trappolone, ma sono beghe oramai inutili, sono dei grossi topi di fogna che si azzuffano per sventrare un cuscino di seta. Occupano illegalmente il luogo dove si trovano, con la morte di Pio XII è iniziato un nuovo periodo di schiavitù per il popolo di Dio. Attendiamo chi romperà le catene e ci porterà alla salvezza, ma quanto dovremo attendere? Ratzinger ha perso forse l’ultima occasione per redimersi, per svelare l’imbroglio e fare cadere un orribile individuo che si appresta, ho il vomito a dirlo, si appresta a riconoscere il Protestantesimo come vera Via alla Salvezza.

Leggiamo in queste ore De Maistre, leggiamo Pio X e leggiamo Pio XII, il Protestantesimo è infezione e tabe, è il nulla, la protesta sul tutto, la assoluta e venefica teoria di rifiuto della Verità. Ratzinger non a caso era nel Vaticano II, alla fine pure lui è uno di quei teorici della chiesetta 2.0, summa del nulla, volemose bene e tutto è bello, buono e gradevole. Una chiesa dove tutto è lecito e concesso e dunque a che serve quando posso fare per conto mio secondo le leggi dello Stato?. La chiesa delle Chiese abbatttute o convertite in parchi per lo skateboard.

church.jpg

Ratzinger dice di prepararsi alla morte. Può essere che nella sua Misericordia imperscrutabile Dio perdonerà anche lui e perfino, pur mi pare di bestemmiare, perfino un rozzo imbonitore come Bergoglio, non posso saperlo, da Cristiano e Cattolico dovrei invocare salvezza per tutte le anime, ma certo è dura quando ti rendi conto del disastro immane perpetrato da siffatti esseri.

Caro Antonio, hai resistito a Bergoglio e ne puoi essere fiero, porti avanti una campagna contro CL (anche se secondo me CL è identica a sempre, solo cambia padrone), non riproporre ti prego astrusi tentativi di vedere “sottile ironia” e “messaggi cifrati” nelle parole di Ratzinger, non è il momento di “alludere”, ma di seguire quanto detto dal Cristo

Sit autem sermo vester: “Est, est”, “Non, non”; quod autem his abundantius est, a Malo est