No rest for the wicked


64afaf10a36be2357559feea009fe3f0.jpg

Vari commentatori hanno rilevato che Pannella e i suoi hanno vinto. Sia commentatori favorevoli che decisamente contrari hanno messo in luce come il successo del modo di pensare del leader radicale sia oramai conclamato e diffuso, talmente diffuso da non necessitare più la sua presenza. La scomparsa di Pannella sarebbe dunque l’esito naturale della conquista definitiva di cuori e menti. Di fatto quello che ha vinto è, più in generale, è il relativismo e senza dubbio molte delle lotte di Pannella sono andate in quel senso. Il sospetto è che non si dovrebbe tanto parlare di una vittoria conquistata sul campo, quanto di un adeguamento dei tempi che viene da lontano (in particolare da ovest), resta certamente il fatto che Pannella ha subodorato dove tirava il vento e si è adeguato prima degli altri. Pannella muore vincitore e da vincitore si cerca di raccogliere l’eredità. Le stesse azioni di Bergoglio, improntate ad un relativismo e ad un desiderio di miscuglio interreligioso che puzzano di new age, sono andate sempre più naturalmente incontro alle posizioni radicali, in combutta con l’intero parlamento, salvo alcune resistenze, ma solo di facciata. La Bonino ora è evidentemente intenzionata, dalla sua pozione molto ambigua, di raccogliere scettro e tentare la scalata finale. Iniziano però ad alzarsi cori contro, un nucleo radicale distinto (la Bernardini in primis), certi radicali esterni come Facci, la base che ha guardato con sgomento l’allontanamento della Bonino dai Radicali, allontanamento che vengono attribuite, di volta in volta, a colpe di Pannella o della Bonino stessa. Resta il fatto che la vittoria generale rimane, anche se continuiamo a credere che non sarà eterna e neppure di lungo corso, mentre i Radicali sono destinati ora ad annientarsi sulle spoglie del morto. La figura più riconoscibile infatti non gode di tutto questo affetto che si vorrebbe propagandare e oltretutto ha dato prova di certi suoi scivoloni verso i salotti buonissimi. Sediamoci e attendiamo.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s