Il puzzo insopportabile dell’avvelenamento da propaganda – SIRIA, ARMI CHIMICHE E DUBBI


Mi si permetta di dubitare della notizia delle armi chimiche usate da Assad. Non pensiate che io ritenga Assad buono, caro e gentile o un democratico travestito da autocrate, no, sarebbe sciocco e miope. Dubito perché è illogico in questo momento, come era illogico quanto si diceva di Gheddafi, nel momento di maggiore necessità di compattare le masse e di far reggere il regime uno si mette a lanciare attacchi a colpi di gas, in una zona in mano ai ribelli… ovviamente sono i bambini quelli morti in quantità industriale. Vi preghiamo di ricordare che durante la guerra in Libia fecero passare stragi compiute dai “ribelli” e pogrom razziali come opera di Gheddafi (ribattezzato Rais, perché quando devi cadere diventi Raiss). Vi prego di ricordare che ci venne spacciata come prova dell’esistenza di una fossa comune un video che ritraeva persone intente a spostare un cimitero (e lo stato scheletrico dei corpi era chiara testimonianza del fatto, ma molti giornalisti urlarono subito, correndo con il naso dietro al sedere di Stati Uniti ed Europa). Ricordiamo inoltre che, a quanto risulta da testimonianze a livello internazionale sono gli stessi ribelli ad avere messo le mani sopra armi chimiche

3Curiosamente non si era scatenato questo grido di allarme all’epoca di questa notizia, non si sentiva parlare di indignazione mondiale o di richieste di intervento con la forza ai danni dei ribelli, no, perché i ribelli, nella idiota e malata strategia di Stati Uniti e colleghi, serviranno a fare un bello Stato telecontrollato, magari sotto la sorveglianza della Arabia Saudita che regge la candela agli Stati Uniti. Allora consentitemi di avere forti dubbi, anzi di pensare che i ribelli, frammentati e dagli intenti spesso sporchissimi, abbiano avuto l’idea (imbeccati) di provocarsi un attacco chimico, così da dare a Europa e Usa la giustificazione dell’attacco. Se credete che i ribelli non lo farebbero mai, sono santi (e appoggiati da santi uomini come il forse defunto Gesuita) fatevi un giro sul web e cercate i tanti filmati di esecuzioni sommarie di civili a carico dei ribelli stessi… perché una guerra adesso? Perché da una parte sarebbe il coronamento di una strategia (fallimentare) che si porta avanti in altre parti, dall’altra distoglie l’attenzione dalla pesante situazione di un Presidente che non ne ha imbroccata una, ma ha fatto tanto bene all’industria degli armamenti, che si è visto crollare lo stupido sogno egiziano e la fessa manovra libica e che in casa ha quel piccolo, minuscolo problema del “grande fratello” svelato da qualche talpa…

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s