UNA BELLA NORIMBERGA PER GLI STATI UNITI? IL “GUATEMALA SYPHILIS EXPERIMENT”


Come è la solfa? Va bene abbiamo bombardato civili, va bene ne abbiamo internati, va bene abbiamo fatto morire circa 1 milione di prigionieri di stenti e maltrattamenti, ma noi non abbiamo mai fatto quegli esperimenti medici orripilanti, usando gli esseri umani come cavie… noi siamo buoni, siamo gli Stati Uniti, abbiamo gli speroni ed entriamo nel saloon per fare fuori il cattivo.

OPS!

Il Guatemala tenta da anni di portare  a processo gli Stati Uniti per gli esperimenti medici fatti sopra suoi cittadini, tra il 1946 e il 1948. Il medico statunitense John Cutler, per verificare se la penicillina funzionasse o meno per le malattie trasmissibili sessualmente, infettò migliaia di guatemaltechi, prostitute, ex militari, orfani, prigionieri. La faccenda è stata tenuta nascosta fino al 2005 quando Susan Reverby, ricercatrice della Università di Wellesley scoprì l’incartamento dove si descrivevano gli esperimenti con tanto di permesso del presidente Truman. I risultati non ci sono, salvo che il numero di infettati di sifilide, gonorrea e forme cancerose è stimato tra i 2000 (stima del governo guatemalteco) e i 1300 (stima degli Stati Uniti). Attualmente la richiesta di processo è stata respinta da un giudice federale americano e, a conti fatti, è probabile che la cosa resterà impunita.

Advertisements

2 thoughts on “UNA BELLA NORIMBERGA PER GLI STATI UNITI? IL “GUATEMALA SYPHILIS EXPERIMENT”

  1. Orripilante. Ma c’era da aspettarselo, dopotutto. Se è vero che la Hiroshima da voi ricordata pochi giorni fa fu anch’essa un esperimentuccio da piccolo chimico/fisico … Ho la sensazione che di incartamenti del genere ne giacciano parecchi in giro per archivi. Intanto chi vive quasi sempre tace e quel che giace resta senza pace.

  2. Purtroppo non è solo la Storia quella che riscrivono i vincitori, i vincitori costituiscono anche tribunali e stabiliscono le immunità e i confini tra bene e male anche quando commettono le peggiori nefandezze

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s