PD E UNIONI TRA OMOSESSUALI, COMPAGNI ALZATE LE BANDIERE: IL PARTITO COMUNISTA ITALIANO RITORNA!


Anni e anni di lamentele sul PD ritirando fuori “ah la sinistra, ah quando c’era il PCI” e ora che fanno una cosa da PCI non la volete riconoscere. Sveglia, McFly, sveglia, il PCI gli omosessuali li sbatteva fuori dal partito (vedi, tra gli altri, Pasolini nel 1949), il PCI era contrario alla legge sul divorzio e via così… McFly sveglia, parli da anni di una cosa astratta “la sinistra”, ogni tanto ritirando fuori i feticci tipo Berlinguer (del quale non si può mai ricordare la fallimentare azione politica essendo oramai un santo laico), ma non hai nessuna memoria di cosa è stata, in Italia, la sinistra ed essere di sinistra. Il PD l’altro giorno è tornato ai tempi del “glorioso” PCI, mozione annullata, rifiuto di azioni che rompessero con il mondo cattolico. Il Partito Comunista Italiano è tornato.

Advertisements

4 thoughts on “PD E UNIONI TRA OMOSESSUALI, COMPAGNI ALZATE LE BANDIERE: IL PARTITO COMUNISTA ITALIANO RITORNA!

  1. Giusto, un ulteriore esempio di come il PCI, a partire da Togliatti, si sia sempre mostrato propenso a non infastidire certi ambiti e certi ambienti.

  2. Il cerchiobottismo è uno dei vizietti più antichi e radicati della politica italiana dalla antica Roma in poi. E il PD/PC non fa eccezione in nessun modo. La sinistra italiana ha poi un altro fastidioso vizietto, almeno dai tempi del Migliore, ovvero la pretesa di essere migliore sotto il profilo etico-culturale e anni luce avanti in fatto di diritti civili. Tutte ciarle ipocrite, il “vizietto” è sempre stato tale anche per loro, come voi opportunamente ricordate, e tale resterà e quindi dovrebbero smetterla una buona volta di spacciarsi per paladini di diritti nei quali essi per primi non credono. Ciò detto permettetemi, caro don Anto’, di fare una osservazione, forse sgradevole per alcuni. In un momento drammatico sul piano economico e sociale, con la Moody’s che appena ieri sera ha di nuovo pesantemente declassato banche ed enti locali italiani, continuando imperterrita quella che ormai sembra una deliberata opera di distruzione della nostra economia, tutto questo accapigliarsi sulle unioni gay da parte di PD, SEL, M5S, IDV, non è in fondo una perdita di tempo? Tra un pugno di mesi, forse chissà, voteremo e non si è ancora sentito arrivare dagli “alternativi a questa politica”, vendolianamente parlando, uno straccio di progetto alternativo al disastro e alla tecnica della scure di Monti. Ricordo che all’epoca in cui Zapatero faceva campagna elettorale in Spagna per la sua corsa al governo ponendo tra i punti forti del programma le unioni gay, ad alcuni cittadini spagnoli omosessuali venne chiesto se questo li avrebbe convinti a votare il leader socialista. Uno di questi cittadini dichiarò che quel punto del programma era per lui del tutto secondario, come spagnolo era molto più interessato e preoccupato per le scelte economiche e di welfare che il nuovo governo doveva impegnarsi a garantire. Francamente anch’io penso che l’emergenza nazionale non sia il matrimonio omosessuale e che tutto questo baccano serva solo a coprire un desolante vuoto di idee e di prospettive sul destino del paese.

  3. Penso sia così, la questione delle unioni civili tra omosessuali mette in luce come il PD non abbia un programma, ma il solito foglietto generico (stile PDL et similia) con frasi casuali come “ridurre la povertà” “aumentare i servizi”, insomma la solita tiritera di promesse, ma senza alcuna intenzione di attuare qualcosa. La questione delle unioni civili non è certo, in questi tempi, il problema che più pesa nella mente degli italiani, ma penso che sarebbe anche ora di concedere piena libertà, il caso spagnolo dimostra che la cosa non comporta nessun stravolgimento. Il rischio è che finisca davvero come con Zapatero, che vinca un partito che compirà il gesto del rendere possibile le unioni civili e niente più, allora ci sarà una sorta di peana per il mondo migliore, ma dopo qualche anno ci si renderà conto che un partito di governo deve avere piani e progetti anche in altri settori della vita pubblica.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s