FANFARAONATE DI UN AMERICANO AL CAIRO


Egitto: Al Azhar, sostituire aiuti Usa

Annuncio adesione a iniziativa religioso salafita

(ANSA) – IL CAIRO, 16 FEB – Ahmed el Tayyeb, gran imam di Al Azhar, principale centro sunnita, ha annunciato la creazione di un fondo alternativo agli aiuti devoluti al nuovo Egitto dagli Stati Uniti, aderendo alla proposta d’un religioso salafita, denominata “assistenza egiziana”. Lo ha annunciato lo stesso imam incontrando il religioso integralista Mohamed Hassan, definendolo “la risposta del popolo egiziano ai continui tentativi Usa di fare pressione sulla nuova leadership per accrescere la loro egemonia”.

Il capolavoro di Barak Obama prende sempre più forma, dopo aver appoggiato, come i predecessori, Mubarak e aver partecipato dalle retrovie al movimento per rovesciarlo, dopo aver cavalcato l’onda della “rivoluzione”, in realtà semplice cambio di cavallo alla stazione di posta, uno vecchio, malandato e bruciato, con uno meno appariscente, dopo aver stigmatizzato i morti di prima e aver dimenticato i morti di ora, adesso il Presidente Americano si trova davanti uno Stato che, giustamente, si scuote di dosso il pesante fantino e, come al Palio di Siena, corre verso la sua meta. In cuor nostro pensiamo che Bombama non fosse ignaro della cosa e che anzi, sotto sotto, ci siano altri giochi in ballo e le pedine siano mosse sempre da lontano. Intanto plaudiamo al calcio in culo agli americani che seguono a pretendere di essere i padroni del mondo non avendo né la fibra morale, né la schiettezza d’esserlo, ma preferendo proseguire nel loro banchetto di banalità, amor patrio e tradizioni farlocche o importate, spacciando per bellum iustum quella che è pura e semplice acchiappa acchiappa. Il Fanfaraone ha avuto il piatto che desiderava, il problema è che adesso dovrà tentare di farlo inghiottire agli elettori ma, visti gli esiti della volta precedente e le scarse proteste per tutte le balle raccontate e le promesse non mantenute, non dovrebbe avere grossa difficoltà nel trovare i boccaloni per il secondo mandato.

Advertisements

One thought on “FANFARAONATE DI UN AMERICANO AL CAIRO

  1. Pingback: NOTA BENE: se vuoi vedere il mio Blog dedicato alla attualità segui il collegamento « Gerico non è mai caduta

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s