IL GIOCO DELLO SCETTRO, GIRA E RIGIRA, MA A NOI TORNA (SE TORNA) GIRATO DALLA PARTE SBAGLIATA


La sovranità appartiene al popolo, peccato che i Partiti si possano sempre arrogare il diritto di scegliere cosa intendono per popolo e cosa intendono per sovranità. Al di là del mantra compulsivo “lo dice la costituzione, lo dice la costituzione” molto buono per cadere in trance e vedere iddio l’altissimo, potrei sapere quale motivazione è stata data per rifiutare le elezioni anticipate? Se cade un governo che è stato espresso con chiara indicazione –non quelle maggioranze nate dal 0,5% in più, 0,5 che comunque varrebbe se stiamo parlando davvero di democrazia moderna– non si può rimestare nel calderone per vedere cosa avanza, appiccicare due o tre partiti, chiamare finti tecnici e far passare acqua sotto i ponti. Ditemi perché non si può andare al voto?

No perché non vorrete farmi credere che siete tanto educande e verginelle sante da credere a una palla come la seguente di Bersani

“Le elezioni anticipate sarebbero un fallimento loro. Nessuno ha paura di un confronto su questo punto. Il problema – ha spiegato Bersani – è se al Paese servono le elezioni adesso, in una situazione di rissa di tutti contro tutti, in cui i mercati ci guardano, con una legge elettorale che fa nominare i parlamentari dei partiti, con un distacco micidiale dei cittadini dalle istituzioni. Credo che ci siano altre proposte più sensate come un governo di transizione, a tempo limitato per fare la legge elettorale che ridia lo scettro in mano ai cittadini, che si occupi un po’ di economia e di lavoro”.



Si è andati alle elezioni già altre volte con un clima di tutti contro tutti e vaffa incorporato, si stava perfino scivolando al voto con ¾ di parlamento esautorato via inchiesta.

I mercati ci guardano? Il governo di transizione per fare la legge elettorale, ah certo, immagino una sorta di proporzionale perché si ha paura di prenderlo un’altra volta in quel posto. Se non si è saputo costruire un partito in anni la colpa è degli elettori? Allora diciamo più tranquillamente e onestamente, siccome il PD sente puzza di altra tranvata in testa vuole ritardare il voto, cosa normale per un partito, ovvio, peccato che debbano sempre indorare la pillola con belle parole e un alto spirito morale, loro e i giornali e quanti pare non riescano più a formulare una opinione che vada al di là dei fogliacci di fiducia. Appellarsi alla costituzione come la parola magica non aprirà la grotta di Ali Babà, farà solo capire a quanti vogliono un minimo porsi la domanda (ma quale è il problema se vado a votare?) che siamo arrivati al naufragio definitivo, parole sparate a caso, grandi principi prostituiti alla prima occasione, carta costituzionale usata per impacchettare i regalini da distribuire a natale. Siate onesti e gridate una buona volta, “no, elezioni anticipate no, perché il mio partito è peggio ridotto dell’altro” (e ci vuole capacità a ridurlo peggio), “perché i cialtroni che guidano il Pd non sanno che pesci pigliare e hanno oramai l’acqua alla gola”. I loro elettori spero si sveglino e vadano a suonargliele di santa ragione perché il casino l’hanno fatto loro e, in tutta sincerità, deve essere un casino bello grosso se hanno paura di una votazione, questo animale mitico che compare ogni tanto tra i boschi e poi scompare e viene tenuto chiuso non si capisce dove. Fino a qualche settimana fa sembrava che Vendola fosse il futuro candidato, no? C’era pure un discreto entusiasmo e Vendola chiedeva elezioni invece di ribaltoni

poi improvvisamente pure lui ha cambiato opinione, penso dietro pressioni d’altri. Perché non puntare su Vendola? Partire già con l’idea che si perderà non è certo un segno di partito forte e dire “non andiamo” solo per questo –ed è solo per questo, al di là dei giochetti linguistici e dei paludamenti di finta moralità- è più che infausto, è la dichiarazione che si è defunti e che si spera, durante la transizione, in non si capisce quale miracolo.

Elettori del PD gridate “no al voto anticipato”, sì, gridate “no” ma aggiungete onestamente il perché dei capi, ovvero “ho paura di perdere” e piantatela di tirare in ballo la costituzione per ogni stronzata, altrimenti non stupitevi se la gente finisce per averne una idea molto, molto negativa. Altrimenti prendete forza, date una strigliata ai capoccioni, sostenete Vendola e avanti per eventuali elezioni se cade Berlusca.

Lo scettro, tanto per dirla con Bersani, lo si deve ridare subito al popolo perché se il popolo ha delegato –sempre utilizzando la vulgata riguardo l’attuale stato democratico moderno- a una persona e quella cade, allora lo scettro torna al popolo e non passa a Caio, Tizio e Sempronio. Se domani presto una cosa a mio fratello e quello la passa a 40 suoi amici io mi incazzo, sappiatelo, e penso che vi incazzereste pure voi davanti ad una cosa del genere. Dunque indietro lo scettro, dobbiamo controllare se è ancora oro o se vi siete fregati pure quello e l’avete fatto rifare d’ottone.

PS: Pernacchie per il primo fesso che si mette in testa di avere davanti un berlusconiano: è noto infatti che nel mondo ci sono molti che non sembrano in grado di concepire una idea diversa dalla loro senza che questa venga necessariamente da una qualche parte politica, in particolare dalla parte politica che reputano loro avversa. Questa specie molto diffusa concepisce il mondo diviso in due grossi partiti, il loro e l’altrui, quelli dell’altrui li identifica tutti con la matrice per lui di ogni male in quel momento, Satana, Hitler, Berlusconi etc. D’altro canto la tecnica “ma tu sei un …” è un vecchio trucchetto retorico per interrompere la discussione e sottrarsi alle risposte, si tratta dell’antenato del celebre “troll”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s