CON QUELLA BOCCA PUO’ DIRE TUTTO QUELLO CHE VUOLE….TANTO….


La marea di italiani che ha dato credibilità e voto a Berlusconi è fatto che stupisce, non c’è dubbio, altrettanto stupisce quanti possano avere votato Veltroni, ma resterà per me il mistero più profondo e immenso il numero di italiani che prendono sul serio Di Pietro o, peggio ancora, tentano di farmelo passare per il volto nuovo e pulito della politica. Molti di questi sono orfani di altri partiti (parecchi pure del MSI) e si sono aggregati attorno a costui arrivando a sostenere le più grandi assurdità, difendendo ogni sua parola quasi fosse Vangelo e turandosi naso, orecchie e occhi. A me Di Pietro lascia basito, basito perchè ci vuole coraggio a dire che chi vota Lega vota un partito “di pancia” che si richiama alla più bassa e animalesca natura dell’uomo se poi si nega che sia la stessa cosa nel caso di Di Pietro. Tralasciamo i giri da banderuola che pure lui ha fatto (uno per tutti, grida contro quella porcata che è il Ponte sullo Stretto, ma da Ministro si è guardato bene da bloccare la cosa, anzi, le ha dato una spinta), in tutta sincerità che credibilità puo’ avere? Qualcuno lo crede davvero casto e puro e la speranza per l’Italia del domani? Uno che arriva alla assurdità somma di sostenere che si sia in balia di un golpe perchè (con sentenza del TAR ora) si compie una azione per evitare di tagliare fuori metà popolazione dal voto? Curioso golpe italiano, pensare che a me insegnavano che il golpe mirava a togliere i diritti, non a garantirli. Ma fatemi il piacere…..

Advertisements

2 thoughts on “CON QUELLA BOCCA PUO’ DIRE TUTTO QUELLO CHE VUOLE….TANTO….

  1. Faccenda strana assai, questa delle liste. Mi chiedo come sia possibile fare errori tanto madornali, come mai non sembri esservi un efficace organo di controllo delle procedure pre-elettorali che garantisca regolarità e diritti degli elettori, infinemi chiedo che cosa ci sia veramente dietro. Anche a me, che certo non sostengo il Pdl e il centro-destra e non capisco come si possa seguire Berlusconi, sembrerebbe un pericoloso precedente escludere di fatto dalla possibilità di scegliere più della metà dell’elettorato. Capisco che si è corso ai ripari in maniera discutibile e che è chiara l’incapacità del partito di maggioranza di assicurare ai suoi elettori una legittima presenza delle proprie liste, ma ripeto, elezioni monche di uno dei due principali concorrenti mi sembrerebbero ancor più illegittime. Quanto a Di Pietro, in generale non provo simpatia per i giudici passati alla politica e nel caso specifico non mi piace il suo populismo, fastidioso quanto quello berlusconiano, il suo “stile” aggressivo da ruspante Robespierre dè noantri mi sembra molto studiato, altro che pancia, e le ambiguità di certe sue posizioni sono abbastanza evidenti.

  2. La situazione è un caos totale, per il Lazio oramai direi che è bene che sia così, il Pdl ha fatto la figura del partito dei polli, Fini si becca eventualmente la regione, ma almeno chi vota ha la possibilità di scegliere tra le due tendenze. In Lombardia la situazione era totalmente assurda, uno e uno solo, a che servono le elezioni allora? Ho l’impressione che molti di quelli che hanno parlato di “pericoloso precedente” riferito al DL (Dl oltretutto che non ha cambiato nulla, come dimostra il Tar del Lazio) non hanno pensato al più pericolo precedente di un voto con un solo candidato.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s