SUL CURIOSO CONCETTO DI DEMOCRAZIA CHE VIENE SBANDIERATO IN QUESTI GIORNI


Pensatela come volete, ma dire che è “rispettare la democrazia” andare ad un voto impedendo a metà e più di una regione di votare è una forma piuttosto contorta di rispetto della democrazia. Il PDL si è affondato, -mentre casualmente il partito della Polverini (leggi Fini) è stato riammesso- ma resta il problema che bisogna avere una faccia di tolla che non finisce più per pretendere di vincere senza avversari. Mi impressiona la marea di persone che elogia la cosa e dice che è giusto non ammettere i partiti di destra, tanto più che è la medesima marea che si definisce democratica e che, nel caso di una esclusione all’incontrario, avrebbe gridato al golpe fascista. A me pare un brutto precedente, un pericoloso precedente, tanto più che dare una “sistemata” alle liste non è tanto difficile, a quanto si legge in giro. Tanto più che la raccolta firme dei partiti è sempre stata piuttosto allegra, ricordo un discorso del radicale Cicciomessere a tal proposito in un convegno Radicale. Tanto più che siamo in un paese che è riuscito ad ammettere dei parlamentari che avevano imbrogliato, salvo poi ammetterlo a 2 giorni dalla fine della legislatura e farli sostituire dal legittimo eletto. A me sembra ingiusto che almeno metà di una regione non potrà esprimere il suo voto o dovrà cercare qualche assurdo mini candidato nei partitini (spesso liste civetta) pur di non votare  Penati.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s