CLASSIFICA DI GENNAIO: I PIU’ RICHIESTI


Tempo di classifiche. Ad un mese dalla sua nascita Terre Impervie è lieto di presentarvi quali ricerche hanno portato i gentili utenti ad approdare per questi lidi. Al primo posto con un solido 17 Alfred Dreyfus, argomento che ritroviamo sparso anche in altri punti della classifica. Al secondo posto Terre Impervie. Al terzo posto Mussolini che, in varie salse, è stato evocato tra queste pagine per parallelismi di diverso genere. Inaspettatamente è molto forte il fondoschiena di Michelle Obama, argomento al quale non avevo dedicato un post, ma è bastato un accenno accidentale per scatenare gli aficionados: così abbiamo “mano obama michelle sedere” che suona come uno di quei complicati giochi da contorsionisti, stile Twister, oppure un più sintetico “Obama sedere miche”, il più poetico “Obama gonna michelle” e i più pesanti “Obama tocca il culo a michelle” o “il culo di Michelle Obama” edulcorati nella forma “Obama mette una mano sul posteriore a m.”. Tutto questo potrebbe far pensare che questo blog si sia occupato, nel suo primo mese di vita, della “callipigità” della First Lady americana, mentre in realtà non se ne è detto nulla, cosa che avrà deluso alcuni gentili visitatori, come forse sarà rimasto deluso chi cercava notizie sul nuovo calendario di Mussolini o almeno così interpreto la ricerca “Benito Mussolini in edicola 2010”. Ci scusiamo, calendari non ne abbiamo, ma un Mussolini in bicicletta in tutto il suo italico equilibrio era bello che esposto, come notato da un altro gentile visitatore. Silvio è stato un altro grande cliente, con il suo recente noi amiamo,  la sua presenza nelle edicole, seguito, recentemente, dall’arcitaliano Bocca e dal degno intervistatore Fazio. Craxi viene riabilitato e così pure Craxi ha ricevuto un discreto trattamento su queste pagine, in particolare apprezzo i due che hanno cercato “le colpe di Craxi”, spero che il motore di ricerca abbia dato loro una quantità incredibile di siti dove leggerle. Craxi porta all’articolo di Forte, Craxi porta a Brunetta, il tutto mi porta nuovamente a Berlusconi e così si approda al totalitarismo dei mezzi di informazione -un totalitarismo a mio parere pienamente bipartisan, come s’usa dire-. In conclusione ho piacere di sottolineare che qualcuno è capitato in codesto luogo cercando notizie sull’indegno accostamento di una tragedia come la Shoah a un personaggio come  Squitieri. Vediamo cosa ci riserverà febbraio.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s